M5S CHIERI: LETTERA DI RISPOSTA AL COMITATO ACQUA PUBBLICA

10 maggio 2014 in Senza categoria

manifesto_70x100_template_V3

Egr. Sig. Direttore,

volentieri rispondo in qualità di candidato a Sindaco per il MoVimento 5 Stelle Chieri all’appello del Comitato Acqua Pubblica divulgato lo scorso venerdì 25 aprile sul Suo giornale.

Nel programma elettorale depositato presso l’Albo Pretorio del Comune di Chieri, visionabile e scaricabile sul sito www.chieri5stelle.it , abbiamo messo nero su bianco il nostro impegno a perseguire i risultati dei referendum sull’acqua.

Nella sezione denominata “Acqua Pubblica”, da pag. 30, affermiamo, tra l’altro: “Ci impegneremo e faremo tutto quanto necessario affinché l’acqua sia gestita dall’Amministrazione pubblica e sottratta alle logiche del mercato e del profitto”.

“Avremo particolare attenzione alla salvaguardia della recente modifica dello Statuto Comunale voluta dai cittadini chieresi; collaboreremo con il Comitato Acqua Pubblica e ci impegneremo a far recepire la proposta di delibera di iniziativa popolare con la quale i cittadini chieresi hanno chiesto la trasformazione della SMAT da S.p.A. in Azienda speciale consortile pubblica, partecipata sia dai lavoratori che dai cittadini; ci impegneremo a revocare la delibera n. 8 votata il 28 gennaio 2014 dal Consiglio Comunale poiché non risponde a quanto richiesto dai cittadini con il referendum, lasciando ancora aperta la porta ad una possibile privatizzazione di SMAT”.

Il nostro impegno civico verso l’Acqua Bene Comune nasce con la convinta adesione del M5S nel 2010, praticamente dalla sua fondazione, al Comitato Acqua Pubblica Chieri, al fine di sottoporre all’attenzione dei cittadini una proposta di modifica dello Statuto comunale, che viene presentata in concomitanza con la raccolta firme per richiedere i referendum contro la privatizzazione del servizio idrico.

Maria Rosa Lo Monaco, Davide Bello, Alberto Rosso  sono gli attivisti M5S che partecipano nel maggio del 2010 alla campagna referendaria e che continuano a seguire i lavori del Comitato Acqua Pubblica.

Nel dicembre 2010 il Comune di Chieri sancisce definitivamente sul proprio Statuto con l’art. 4 comma 2 bis e con l’art. 36 bis che l’acqua è un diritto, che il servizio idrico integrato è senza scopo di lucro, che la proprietà della rete di acquedotto e distribuzione è pubblica e inalienabile e che la gestione della rete e l’erogazione del servizio idrico sono attuate mediante enti o aziende interamente pubblici.

Ad oggi, però, l’attività del Comitato non è ancora conclusa, poiché l’attuazione dei referendum è rimasta “congelata nei cassetti comunali”, come dichiarato dallo stesso Comitato nell’articolo dello scorso venerdì.

Come candidato a Sindaco per il M5S, con il totale supporto della mia lista di candidati Consiglieri, dichiaro formalmente al Comitato Acqua Pubblica e a tutti i cittadini chieresi che considerano i Beni Comuni una risorsa essenziale per lo sviluppo della comunità, che, se il 25 maggio prossimo saremo eletti alla guida della città di Chieri, la revoca della delibera n. 8 del 28 gennaio 2014 e la trasformazione di Smat da S.p.A. in Azienda speciale consortile pubblica rappresenteranno uno dei primi atti concreti della nostra Amministrazione, come sottoscritto nel programma elettorale depositato presso il Comune di Chieri.

Colgo l’occasione per invitare tutti i Chieresi a leggere il nostro programma elettorale pubblicato sul sito www.chieri5stelle.it e sulla nostra pagina Facebook (www.facebook.com/Movimento5StelleChieri), 58 pagine piene di idee concretizzabili e di progetti di miglioramento per la nostra Chieri. O a recarsi presso i nostri banchetti informativi, dove è possibile ricevere la versione cartacea del programma e delle iniziative pensate per la città.

Paolo Savio, candidato a Sindaco M5S per Chieri

Chieri, felici di Viverci !

10256220_663843057018248_2780999792135048977_n