ITALIA 5 STELLE 2016 – PALERMO 24-25 SETTEMBRE

23 settembre 2016 in Notizie 5 stelle Chieri

Quest’anno Italia5stelle, la manifestazione nazionale del MoVimento 5 Stelle, si terrà al Foro Italico di Palermo dal 24 al 25 settembre.
Sabato dalle ore 10:00 alle 24:00 e domenica dalle 09:00 alle 18:00
Il tema dell’evento sarà il Governo ai Cittadini. Oggi, grazie a Rousseau, il nostro sistema operativo unico al mondo, gli iscritti potranno partecipare alla scrittura di leggi, votare per la scelta delle liste elettorali e dirimere posizioni all’interno del M5S.
Anche quest’anno saranno allestiti stand appositi per promuovere e ospitare le varie componenti elettive (Parlamento italiano e europeo, consigli regionali e comunali).
Numerosi saranno gli artisti che si alterneranno sul grande palco in riva al mare.
Il vento del cambiamento ha iniziato a soffiare. E spinge i palloncini colorati tutti nella stessa direzione.
Quei palloncini siamo noi. Siete voi.
Siamo partiti dal futuro e andiamo verso la realtà!

SOSTIENI ITALIA 5 STELLE CON UNA DONAZIONE

Il MoVimento 5 Stelle non riceve alcun finanziamento pubblico e ha rinunciato a 42 milioni di euro di rimborsi elettorali per l’attuale legislatura. Vieni con noi il 24 settembre 2016, sarà una grande festa e un momento di incontro interamente finanziato dalle libere donazioni dei sostenitori del M5S, come avvenuto per le Elezioni politiche 2013, le Elezioni europee del 2014, V-day, Italia 5 stelle e tutti gli altri eventi del M5S. Ogni spesa sarà rendicontata e l’eventuale residuo sarà utilizzato per finanziare le prossime iniziative del M5S.
Grazie del tuo supporto.

Dalle 10 via alle agorà tematiche con portavoce e cittadini che si confronteranno su: Agricoltura: alla riscoperta delle risorse della terra; Beni culturali: come gestire il patrimonio comune; Le grandi opere che devastano il territorio; Diritto d’autore e digitalizzazione per un’Italia più competitiva; Immigrazione: verso un accoglienza più giusta; Il business dell’immigrazione; Il buon governo dei comuni M5S; Difesa: sovrani sul nostro territorio; Difesa degli animali: una legge contro ogni forma di violenza; No austerity: un bilancio democratico per il benessere dei cittadini; Come gli enti locali possono contrastare il gioco d’azzardo; Inquinamento, il ruolo delle regioni; Trasporti: sicurezza, grandi opere e concessioni autostradali; Turismo: tra riconversione produttiva e opportunità per il futuro; Malasanità e sprechi alimentari; La mafia in giacca e cravatta: gli strumenti per combatterla.

Le agorà si svolgeranno in due aree dedicate e nei gazebo Parlamento italiano e Parlamento europeo. Per chiunque sia interessato al prossimo referendum costituzionale, ci sarà un’area dedicata in cui svolgeranno altre agorà dedicate al tema e alla campagna #iodicono.

Dalle 18 gli interventi dal palco mentre si attende l’arrivo della carovana di moto partita da Siracusa che ha raccolto motociclisti in giro per la Sicilia in pieno stile costituzione coast to coast. La sera largo all’intrattenimento con il dj set di Gigi D’Agostino.

Domenica dalla 10 parliamo di: buon governo nei comuni M5S; Rc auto: per una tariffa piu’ equa; Spegniamo gli inceneritori; Difendiamo la sanità pubblica: la salute è un diritto; Sicurezza antiterrorismo: l’Italia e’ pronta?; Lavoro: tra crisi e innovazione; Olio, arance e… il nostro made in Italy da difendere; Depurazione acque e consumo di suolo: i danni dell’abusivismo edilizio; Energie rinnovabili, il futuro che vogliamo; Dalla brexit al referendum costituzionale un’Europa in bilico.

La giornata si aprirà, sempre alle 10, con uno spettacolo di docenti sul ‘no’ al referendum costituzionale che si terrà un una delle aree agorà mentre gli interventi dal palco cominceranno a partite dalle 14.

Per tutti i due giorni i portavoce attenderanno i cittadini nei relativi stand e, inoltre ci saranno aree dedicate a temi di interesse dei cittadini: ci sarà il gazebo anticorruzione, attraverso il quale i cittadini potranno apprendere come dare il proprio contributo per la lotta di questa piaga italica; Sos Equitalia, baluardo a difesa dei cittadini vessati dagli esattori di Stato; stand Microcredito, dove i cittadini potranno informarsi e accedere direttamente ai fondi ministeriali foraggiati dal taglio degli stipendi dei parlamentari del 5stelle; il rogetto Polmoni urbani; il ‘villaggio Rousseau’, dedicato al portale di democrazia diretta del M5S lasciato in eredità al MoVimento da Gianroberto Casaleggio.

Per i più piccoli c’è un’area bimbi con animatori e programma dedicato ai bambini, spazio dedicato ai diversamente abili, spazi ristoro con prodotti tipici.

CONSIGLIO COMUNALE di Chieri – 29 e 30 settembre

23 settembre 2016 in Notizie 5 stelle Chieri

Prossimo Consiglio Comunale convocato per :

Giovedì 29 settembre ore 21.00 e Venerdì 30 alle ore 19,45.

Diretta Streaming su :              

Ordine del Giorno :        

CHIUSURA OSPEDALE DI CHIERI E OSPEDALE UNICO

23 maggio 2016 in Eventi e Incontri M5S Chieri

Quali servizi sanitari servono a Chieri ?

 

I Consiglieri Comunali del MoVimento 5 Stelle invitano i cittadini Chieresi a parlarne insieme con :

Rossana Becarelli – Presidente di Hum Med ed ex direttore sanitario dell’ospedale San Giovanni Vecchio di Torino

Massimo Uberti – Direttore Generale AslTO5

Emanuele Stramignoni – Dirigente medico AslTO5.

  • Lunedì 30 maggio  – dalle ore 21:00 alle ore 23:00

  • Sala conferenze Biblioteca Civica  –  Via Vittorio Emanuele II, 1  –  CHIERI

  • Link dell’evento.

DICHIARAZIONI SINDACO MARTANO E ASS. PASCHERO SULL’ALIENAZIONE CHIERIFARMA

11 maggio 2016 in Comunicato Stampa

Le dichiarazioni del sindaco Martano e dell’assessore alle risorse finanziarie e patrimonio, Anna Paschero, relative alla scelta di vendere le quote societarie di Chierifarma ci lasciano piuttosto perplessi.

In primo luogo non comprendiamo per quale motivo si voglia a tutti costi alienare Chierifarma dal controllo di un ente pubblico come il Comune di Chieri per poi dichiararsi soddifatti nel momento in cui questa venga acquisita da un altro ente pubblico. Il sospetto che Chierifarma, nonostante tutto, non sia proprio da buttar via, sorge spontaneo.  

In secondo luogo, ci sfugge il nesso logico per cui l’Azienda Farmacie Comunali di Torino sia da considerare “pubblica”. Come si evince con un click al seguente link http://www.comune.torino.it/commercioeimpresa/partecipazioni-aziendali/schede/farmacie_comunali.shtml , la proprietà della S.p.A. è così suddivisa: il 49% delle azioni è detenuto da Farmagestioni, società cooperativa di Federfarma Torino, e Unioncoop; il 31% da Unifarma Distribuzione S.p.A., società leader nella distribuzione di farmaci e  parafarmaci ad esclusivo servizio delle farmacie;  solo il restante 20% dalla Città di Torino.

Proprio Federfarma dichiarava il 6 marzo 2015 che:  “ Le farmacie comunali di Torino diventano ancora meno…comunali. E un po’ più “private ”.  E’ l’effetto dell’operazione, conclusa tra dicembre e gennaio, con la quale l’amministrazione della città piemontese ha ceduto il 31% delle azioni di Farmacie comunali di Torino S.p.A. Ad acquistare è stata Unifarma Distribuzione, grossista piemontese con una platea di soci formata da più di mille farmacisti. Secondo alcune fonti, alla base dell’ingresso di Unifarma nella municipalizzata ci sarebbe l’obiettivo di allargare il parco delle farmacie clienti, tenuto conto che finora le comunali erano servite da altri distributori”.

Torino è stata almeno un po’ più lungimirante: si è tenuta un 20% di azioni per partecipare agli utili ed esprimere un consigliere di amministrazione, sebbene con il suo 20% di certo non inciderà sensibilmente nelle scelte societarie, anzi.

Non ci stupisce assolutamente il fatto che l’Azienda Farmacie Comunali di Torino abbia mostrato interesse verso le nostre farmacie: l’obiettivo di una S.p.A. è quello di fare profitto e un ulteriore ampliamento del parco clienti altro non porterebbe che maggiori utili.

Se come sostengono il sindaco Martano e l’assessore Paschero il Comune di Chieri intende prossimamente vendere tutte le quote della società a un soggetto idoneo a gestire le farmacie, e l’attuale maggioranza al governo vorrà avvallare questa scelta politica, pur rimanendo contrari all’alienazione di Chierifarma ma non potendo più ostacolarla, vigileremo affinché l’operazione avvenga secondo le più ferree logiche di mercato, ossia con l’ottica di massimizzarne il profitto per le casse comunali e non con la “disinvoltura” che spesso viene utilizzata quando si tratta di “valorizzare” il patrimonio pubblico.

Ci hanno preoccupato le prime dichiarazioni della Giunta, di recente rivedute in maniera più conservativa dal sindaco Martano, M5S cc foto 2che parlavano di concessione ultradecennale. E’ evidente che una concessione di 60-90 anni equivale ad una vendita: ne consegue che il ricavato di una simile operazione deve essere congruo e adeguato. Rimaniamo dunque in attesa della perizia commissionata dall’Amministrazione per la valutazione del valore commerciale, assicurando che la nostra attenzione sarà massima e che lotteremo per massimizzare gli introiti per le casse del Comune: vedremo alla fine chi in Consiglio comunale sarà dalla parte dei cittadini e chi dalla parte dell’acquirente.